Centro di innovazione, Houston

Anthony O., studente all’Università di Houston, ha condiviso con noi la sua esperienza personale nell’uso di VisualARQ per questo progetto:

“Il progetto a cui stavo lavorando era un centro di innovazione nel terzo distretto di Houston, Texas. Un quartiere storico a basso reddito che è in fase di riqualificazione. Benché con un budget ridotto, per il progetto si raccomandava l’incorporazione di possibilità architettoniche. Il progetto prevedeva vari spazi ufficio, due aule, uno spazio studio, un angolo cucina/sala pausa ed una biblioteca o centro di documentazione. Gli alloggi per studenti erano opzionali e, nella mia proposta, ho scelto di inserirli al terzo piano.

Il processo di progettazione iniziò con una serie di schizzi per organizzare la collocazione e l’area edificabile complessiva dell’edificio. Gli schizzi ed i modelli fisici determinarono la forma e l’altezza dell’edificio. Ho usato VisualARQ per i primi disegni digitali e per dare delle proporzioni precise all’intero progetto. Il programma si è rivelato inoltre estremamente utile nell’aggiunta della struttura (un po’ difficile a volte) e la creazione del modello 3D dell’edificio. Il fatto che VisualARQ usi modelli BIM che possono essere modificati mi ha fatto risparmiare molto tempo per quanto riguarda la modellazione di elementi quali porte, finestre, colonne, ecc. Ho usato VisualARQ anche per i primi studi dei prospetti dell’edificio e la creazione automatica dei prospetti a partire dai modelli BIM inseriti nel progetto.

Una volta completato il progetto, si sono usati altri programmi per rifinire i dettagli dell’edificio e ripulire i disegni. I rendering li ho realizzati con Autodesk Revit ed Adobe Photoshop, più che altro perché i tempi stringevano e la mia dimestichezza con questi programmi è maggiore. Le planimetrie, le sezioni ed i prospetti in 2D li ho ricavati da VisualARQ e successivamente editati con Adobe Illustrator (spessori di linea, testi, colori, sagome scalate).

In genere, per me VisualARQ si è rivelato utile per documentare in modo preciso un progetto che era stato progettato con schizzi e modelli di studio fisici. Il semplice ma molto funzionale layout di VisualARQ mi ha consentito di generare i vari documenti in modo rapido ed efficiente”.

Anthony O.
Studente di architettura – Università di Houston