Faro di Bibione, di Andrea Gavagnin

Questo progetto presenta il lavoro di Andrea Gavagnin, un architetto italiano che ricrea virtualmente degli edifici esistenti in collaborazione con l’architetto Cristian Boscaro.

Andrea e Cristian l’hanno presentato in occasione dell’11º RhinoDay che ha avuto luogo lo scorso 14 novembre nella città di Padova. Lo scopo della loro presentazione era mostrare come Rhino, VisualARQ ed Arena4D hanno contribuito a migliorare l’efficacia del loro lavoro.

Il progetto del faro di Bibione era finalizzato a testare e valutare l’efficacia di VisualArq e Arena4D.

Gli architetti hanno usato il plug-in Arena4D per visualizzare la nuvola di punti ottenuta dalla scansione 3D all’interno di Rhino.

Tutto il resto l’ha fatto VisualARQ:

Il committente del progetto del faro aveva richiesto la fornitura di 4 piante, 4 prospetti e 2 sezioni bidimensionali a partire dall’edificio scansionato.

Usando tecniche tradizionali (Autocad per il disegno bidimensionale ed il plug-in Leica Cloudworks per importare le nuvole di punti), Andrea impiegò circa 4-5 giorni per produrre questi elaborati.

Usando Rhino ed i plug-in VisualArq ed Arena4D, invece, Andrea impiegò solo 1,5 giorni per modellare e produrre gli elaborati planimetrici bidimensionali.

Oltre al risparmio di tempo, Andrea sottolinea altri vantaggi dell’uso di VisualArq abbinato a Rhino per i suoi progetti:

  1. La velocità di modellazione dell’intero edificio in 3D usando gli oggetti architettonici parametrici di VisualARQ.
  2. La possibilità di ottenere tutti gli elaborati necessari (piante, prospetti e sezioni) dal modello 3D. Essi sono collegati al modello e vengono aggiornati ad ogni modifica. Non è necessario ridisegnarli da capo.
  3. La flessibilità con cui si possono modellare elementi complessi, che sarebbero di difficile gestione in altri pacchetti software.
  4. La possibilità di creare porte e finestre a partire da curve bidimensionali, grazie al comando vaApertura > DaCurve.